Salute

Biopsicofonica: La musica che massaggia

La musica ha un effetto benefico sulla mente, ne è prova la musicoterapia, una terapia che si avvale dell’ausilio della musica per intervenire su patologie come l’autismo, il ritardo mentale, la disabilità motoria, la demenza ed altri disturbi. Terapie di questo tipo utilizzano supporti non propriamente medici.

C’è chi è ricorso alla musica molto prima di noi: nella meditazione orientale esistono varie tecniche di massaggio sonoro, non classificabili come terapie ma come massaggi e trattamenti mirati al rilassamento mentale ed al benessere fisico.

Volendo scendere nel dettaglio, tiriamo in ballo il massaggio sonoro con campane tibetane, un tipo di massaggio creato per raggiungere stati meditativi profondi, un suono armonico che consente alle porte della percezione di aprirsi al punto da liberare la persona da stress e malessere. Tale suono ha un comprovato potere di armonizzare la sintonia tra corpo e mente, a vari livelli del corpo. Il suono benefico, riconosciuto anche a cimbali e gong, va comunque accostato con il massaggio.

Un’altra pratica molto efficace è il massaggio con Didgeridoo, il suono di questo strumento consiste in una vibrazione che le labbra producono all’interno di questo grande ramo di eucalipto scavato dalle termiti. Anche in questo caso, durante il massaggio rilassante, un suonatore emette suoni che inducono il paziente ad un rilassamento progressivo.

La Biopsicofonica è una disciplina che indaga su come il suono interagisce con il corpo e come può essere utilizzato per il benessere della persona.

Con la collaborazione di scienziati, neurologi e naturopati, Alfredo Miti, pioniere sperimentatore del suono olofonico, ha condotto una ricerca, durata vent’anni, e si è giunti ad Armoonia, un lettino per il massaggio sonoro. Gli studi dimostrano il collegamento tra frequenza dei suoni ed onde cerebrali e l’incidenza che le armoniche del suono hanno sul corpo e sulle onde cerebrali per il massaggio che favoriscono.

Le orecchie non sono l’unico canale del suono, c’è anche la corteccia cerebrale, la pelle e vari recettori sparsi sulla sua superficie così il massaggio risulta globale e molto efficace. Le scienze “musicali” nel campo della salute psicofisica sono cresciute nel tempo, citiamone qualcuna: la Cimatica, la Vibroacustica e la Psicoacustica, la Musicoterapia e il Nada Yoga.

 Vien proprio da esclamare: “Musica, Maestro!”

Biopsicofonica il suono fra dimensione psichica e corpo (prima parte)

Questo Contenuto è bloccato

Biopsicofonica il suono fra dimensione psichica e corpo (seconda parte)

Questo Contenuto è bloccato

Altri argomenti interessanti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *