Cosmetici

Il mistero rivelato: cosa c’è nei nostri cosmetici?

Cosa si nasconde nei nostri cosmetici? Le donne addirittura usano nella toiletta di ogni giorno oltre 500 agenti chimici circa, secondo la Bionsen. Perché? Sono davvero necessari? E soprattutto sono nocivi per la salute?

Guardiamo agli elementi sintetici che sono presenti e ancora sono oggetto di dubbi. Ad esempio, i parabeni: ecco questi conservanti dal potere antimicrobico che vengono usati tra gli altri prodotti nelle creme, nello shampoo, nel dentifricio e i deodoranti. Proprio questi ultimi sono oggetto di studio perché forse questi fattori scatenerebbero il cancro al seno.

La Reading University nel 2004 ha promosso uno studio di ricerca: si è scoperto che su venti campioni presi da donne con il cancro al seno, ben diciotto hanno rivelato la presenza di parabeni.

Purtroppo i parabeni possono “agire” nel corpo alla stessa maniera degli estrogeni, ovvero quegli ormoni creati dal corpo delle donne nel periodo che copre dalla adolescenza fino alla menopausa. Questi ormoni, se riprodotti in elevate quantità, aiutano lo sviluppo di cellule tumorali.

Ecco allora perché ancora ci si interroga sull’opportunità di questi fattori dentro i deodoranti, anche se bisogna aggiungere che queste sono solo ipotesi. Nel dubbio che diventa pericoloso tarlo nella mente, in commercio trovate molti brand che danno solo prodotti senza i parabeni. Per la buona pace di tutti!

  • Il chimico vs. prodotti naturali

“Donna, donna: questo è per te!”. Ricordate gli spot ingenui del Carosello? Erano per il sapone di lavanda, arma di seduzione delle nostre nonne. Oggi invece cosa mettiamo sul viso, sulla nostra pelle, cosa ci aspettiamo che esca sulla cute, sui capelli, perché a volte vediamo che questo o quel prodotto ci irrita?

Si aprono alla mente liste lunghissime di cosmetici e di prodotti per il corpo: creme riducenti, emollienti, anti-age, shampoo dai profumi e dai rimedi miracolosi per i capelli spezzati, opachi, doppie punte, triple punte, balsami esoterici e un rimescolio sul volto di fondotinta, ombretto e rossetto. E siamo solo all’inizio della nostra lista!

Il mondo della chimica per prodotti di bellezza non sempre è innocuo o favoloso come strillano i migliori spot redatti dai migliori copywriters in circolazione: come possiamo difenderci? Come dobbiamo scegliere?

Sempre attenzione alle etichette, questo è il consiglio principe e via libera ad una caccia che oggigiorno è sempre più fruttuosa e cioè procacciamoci il meglio dei prodotti naturali e eco-biologici.

Molto graditi anche i rimedi semplici e casalinghi che ognuno di noi può facilmente imbastire con pochi mezzi e poca spesa. Nel blog ne troverete molti di consigli e ricette.

  • Cosa evitare nella cosmesi?

Nocivi anche per l’ambiente si rivelano i cosmetici: oltre alle sostanze non sempre biodegradabili, l’era dell’effimero investe anche le confezioni, per la maggior parte specchietti per noi donne e allodole!

Stufe di aver a che fare con imballaggi molto poco eco-sostenibili, le donne italiane oggi chiedono anche i cosmetici convenzionali siano rivisti sia nella quantità di additivi chimici, sia nel poco ecologico packaging!

Come riuscire ad influenzare il trend negativo? Comprando l’eco-cosmesi, non farsi abbindolare da colori sgargianti e volti noti che pubblicizzano questo o quello, chiedendo se il prodotto possiede o no le certificazioni per essere a norma. Ma anche cercando di capire, in tutta onestà se davvero il nostro armadietto contiene l’indispensabile per noi: verificheremo il contrario. E scopriremo che possiamo risparmiare tempo, salute e aiutare l’ambiente, eliminando qualche prodotto inutile, come il burrocacao, soprattutto se contiene alcool e alcune sostanze conservanti che contribuiscono ad asciugare le nostre povere labbra. Meglio per le labbra screpolate il semplicissimo olio di oliva o i prodotti eco-biologici nutrienti e protettivi!

  • I prodotti “indispensabili” per il corpo da scartare

Siamo davvero certe che tutto quello che ci vendono ci serve per curarci corpo ed estetica? Prendiamo le creme per il viso, i piedi, le mani, le unghie, il corpo, ecc. Basta con questa inutile e costosa settorializzazione: serve solo una buona crema idratante naturale, magari biologica.

Stesso discorso per l’ “amico” tonico per il volto: smettendo di usare detergenti e saponi alcalini, potremo eliminarlo serenamente. E invece scopriamo che ci fa bene ed è davvero un toccasana per il ph dell’epidermide utilizzare alcune gocce di aceto o di limone mescolate in acqua.

E che ne dite di gettare o di non comprare le maschere dopo lo shampoo? Piene di sostanze che nuocciono ai capelli e alla delicata cute, se proprio non riuscite a farne a meno, non sarebbe meglio ridurne l’uso? Provare per crederci!

Oppure ancora una volta, prestiamo un occhio particolare alle etichette e alle sostanze presenti dentro i prodotti acquistati spesso per impulso o per accaparrarsi un’offerta: cercate su internet le composizioni e vedete quali effetti contemplano a lungo termine!

  • L’olio d’oliva: emolliente carezza anche per farvi la barba

Basta con gli sprechi! E sotto la mannaia del pensiero eco e sostenibile finiscono anche le schiume da barba, moltissime della quali sono a base alcalina e servono davvero a poco contrariamente a quanto si crede: se diventa difficile radervi come gli antichi, cioè esclusivamente con il rasoio e l’acqua calda per aprirvi i pori, possiamo o andare verso una schiuma biologica, con minore quantità di elementi chimici, ma anche…sul semplice olio di oliva!!!

Ancora una volta l’olio è un campione che difende e nutre la nostra pelle: esso è emolliente e lubrificante, e ne potete spalmare un filo sulle gote e dove è necessario, prima della passata di rasoio.

La pelle è così protetta bene e non vi serve nemmeno il dopobarba, i quali sono pieni di spesso alcool, tanti profumi sintetici e sostanze chimiche!

Il rimedio dell’uomo che “non deve chiedere mai”, specie dopo aver fatto questa barba ecologicamente corretta?

La semplicità data con un velo di dolce e rinfrancante aloe vera.

Altri argomenti interessanti:

1 Comment

  1. rodica says:

    l ho trovato davvero molto interessante e utile gazie mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *