Alimentazione Cosmetici Naturali

Salute, benessere e cibo

Siamo ciò che mangiamo. Per un nostro benessere e bellezza dobbiamo sicuramente fare attenzione al cibo che ingeriamo! Lo sapevate che i cibi che comperiamo non sempre sono certificati e protetti da filiere sicure?

L’eventualità che i rischi principali siano questi è più alta di quello che si crede!

Nella produzione del cibo entrano talvolta sostanze chimiche tossiche per la nostra salute che permangono negli alimenti: gli antibiotici somministrati indiscriminatamente agli animali, gli antiparassitari impiegati per combattere le patologie di frutta e verdura, le sostanze inquinanti presenti nelle acque di lavorazione, i fertilizzanti adoperati per incrementare la produttività della terra e delle colture.

Mercurio, piombo, nichel e cadmio i nemici numero uno, seguiti a ruota dai fosfati utilizzati come concimi!

  • Il rischio biologico alimentare

Se non ci pensa l’uomo a rendere difficile i passaggi del cibo dalla terra alla nostra tavola, ci pensa la natura: il rischio biologico legato alla presenza di microrganismi patogeni i quali penetrano nei cibi e si trasmettono poi all’essere umano.

Chi sono? I batteri, le muffe e altri protozoi, i parassiti o la presenza di virus all’interno

La fase di packaging è tanto delicata e altresì può provocare problemi legati alla corretta conservazione alimentare, quando non si trovano corpi estranei nei sacchetti di plastica.

La sicurezza ha un costo elevato e tutti i produttori dovrebbero essere in regola con essa!

Riducendo la distanza tra produttore e consumatore si abbassano le contraffazioni alimentari. Ecco perché il biologico e il commercio dell’agricoltura alternativa è così “di moda” oggi. In realtà è una necessità per essere belli fuori e dentro!!!

  • Bio cosmetici dai prodotti dell’agricoltura naturale

Oltre al cibo dentro, l’agricoltura biologica fornisce i prodotti per la bio-ecocosmesi, ossia prodotti 100% naturali e delicati, i quali sono nati e cresciuti anche per soddisfare le esigenze dei bambini: non contengono infatti petrolati, parabeni, sodium lauryl e laureth sulphate.

I prodotti cosmetici bio sono molto usati dalle donne e sono scelti anche dalle madri attente e consapevoli per i loro piccoli, dalla pelle più delicata, sottile e indifesa.

Settore della bio-ecocosmesi in forte espansione anche perché ricavati da agricoltura biologica, senza Ogm (organismi geneticamente modificati) e altre sostanze chimiche di sintesi e di derivati di origine petrolifera, essi devono essere garantiti dal marchio Icea (Istituto per la certificazione etica e ambientale), il principale organismo di controllo del biologico in Italia e inoltre il primo ad essersi rivolto ai prodotti di bellezza.

  • Pensare bio: prodotti per la pelle del neonato

Le linee cosmetiche naturali e biologiche nascono con lo scopo di introdurre rivoluzioni etiche all’interno del mercato per il rispetto della persona, e dell’ambiente, animali compresi.

Tutti sappiamo che il derma dei bambini soffre spesso di arrossamenti e irritazioni anche per colpa di una pulizia sbagliata. la detersione è frequente ma va fatta con prodotti che ne rispettino la natura: no deciso a saponi o detergenti aggressivi o chimici.

I neonati in particolare vanno salvaguardati poiché essi hanno sviluppato solo in parte il film idrolipidico, cioè la barriera protettiva invisibile che protegge tutti noi e che è formata da acqua e particelle di grasso.

Quindi dobbiamo orientarci per prodotti certificati che garantiscono la salute e il benessere nostro e del nostro piccolo, ovvero dal cuore biologico!!

  • Il make up biologico e il trucco naturale

Cosa vuol dire make up biologico? Troverete queste indicazioni sulle etichette: parfum free e senza parabeni, a dirvi che avete a vostra disposizione trucchi naturali. E amerete quelli che sono cruelty free, ossia non testati sugli animali.

Con essi darete al vostro viso un aspetto più sano, in quanto lo idraterete e lo rispetterete, inoltre orientatevi verso quei prodotti confezionati con packaging ecologico, realizzato cioé con materiali biodegradabili provenienti da fonti rinnovabili.

I contenitori si sono evoluti e non sono più in plastica, ma in acido polilattico INGEO di origine vegetale, ricavato da zuccheri (PLA). I flaconi del fondotinta e del mascara devono essere in vetro per poter essere smaltiti.

Gli astucci e i fogli illustrativi? Ma che domande! Sono in carta riciclata

L’ultima evoluzione? Le ricaricabili, ovvero quando il prodotto è finito, si può prendere solo la cialda ricarica per riutilizzare il contenitore in PLA.

Altri argomenti interessanti:

0 Comments

  1. Conoscete la linea biologica di Noberasco? Vi invitiamo a provarla, è un must per chi ha spostato uno stile di vita sano, naturale e ecologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *